<!-- Inizio Codice ShinyStat -->

<script type="text/javascript" src="//codice.shinystat.com/cgi-bin/getcod.cgi?USER=discocity017"></script>

<noscript>

<a href="http://www.shinystat.com/it/" target="_top">

<img src="//www.shinystat.com/cgi-bin/shinystat.cgi?USER=discocity017" alt="Contatore sito" style="border:0px" /></a>

</noscript>

<!-- Fine Codice ShinyStat -->

<!-- Inizio Codice ShinyStat -->

<script type="text/javascript" src="//codice.shinystat.com/cgi-bin/getcod.cgi?USER=discocity017"></script>

<noscript>

<a href="http://www.shinystat.com/it/" target="_top">

<img src="//www.shinystat.com/cgi-bin/shinystat.cgi?USER=discocity017" alt="Contatore sito" style="border:0px" /></a>

</noscript>

<!-- Fine Codice ShinyStat -->

discocity discocity live News & Events discocity musica Contatti info
il “Guru” della disco-music

Per molti è il massimo esperto di musica anni '70, per gli amanti della disco music è un guru. Marco Reverberi, 49 anni, disc jockey di fama nazionale, è diventato sorbolese per amore sposando Rossella oltre 15 anni fa.

La sua è una voce familiare: ci ha intrattenuto per anni, conducendo un programma su un’emittente radiofonica locale tutte le mattine dalle 7 alle 10 fino a luglio del 2008.

Non solo musica. Marco amava stupire la sua platea radiofonica con autentiche perle discografiche, pezzi rari o dimenticati dal grande pubblico, fornendo informazioni, dettagli e aneddoti su gruppi musicali, cantanti e musicisti degli anni Settanta.

Il suo studio, ricavato nella taverna della sua abitazione nel quartiere Venezia, un vero tempio della musica. Tra i suoi scaffali si trovano oltre 12 mila dischi, dagli anni '60 ad oggi. Album non solo della sua amata funky e disco music,  ma anche di tutta la musica da ballo moderno.  

Spiega che «per gli amanti della disco music molti di questi dischi costituiscono degli autentici cimeli. Io stesso ho impiegato anni per arrivare ad ottenere una raccolta così completa: dal '73 giro per i mercatini e le fiere  del settore, alla ricerca di tutte le occasioni».

Fin da adolescente Marco capisce che la musica sarebbe diventata tutta la sua vita.

E come da copione, comincia lavorando come disc jockey a Radio Bella, poi Radio Parma 2 nel 1980,  per approdare nel 1983 a Radio Capital,  che si trovava  a Sesto San Giovanni.

Ma a Radio Capital ci rimane solo un anno. Nel 1984, tornato a Parma, diventa  la voce del mattino di Idea Radio, dove rimane fino al 1987. Passa a Radio Emilia 101, poi Radio Elle e nel 1993 a Radio Base.

L'eclettismo del dj gli consente nel frattempo anche di scrivere numerosi articoli musicali per alcune riviste specializzate. Nel 1999 passa a Malvisi Network e nel 2008 a Radio Circuito29.

Nell’aprile 2001 l’idea geniale. Marco, incoraggiato dal suo pubblico sempre più crescente, apre il sito internet «www.discocity.it», dove tutta la sua sterminata raccolta di brani è a disposizione degli utenti del web, come pure notizie e curiosità dal mondo dei collezionisti di dischi in vinile.

A soli sei mesi dall’apertura, il sito riceve un meritato riconoscimento quando gli viene assegnato il «Mtv Best Web», un premio che lo fa entrare a pieno diritto tra i siti cult per gli amanti del genere. Da luglio 2008, Marco Reverberi conduce ogni mercoledì sera alle 21 la trasmissione «Discocity live». La si può ascoltare sul web collegandosi al sito, oppure sulle frequenze di Radio Circuito29.

La dedizione al suo lavoro è totale. «E' molto facile lavorare quando il tuo mestiere è la passione di una vita».

Marco si occupa, oltre che di musica, anche di comunicazione industriale. Da oltre 10 anni infatti produce filmati audiovisivi pubblicitari, una intuizione multimediale che si è mossa di pari passo con le sempre più crescenti necessità del mercato economico.

Marco ha anche un’altra grandissima passione: i funghi porcini. Quando vede che la stagione è quella giusta, non perde occasione di catapultarsi sulle nostre montagne valtaresi per fare incetta di funghi. Da vero esperto anche in questo settore, come nella musica.


Pierpaolo Cavatorti

articolo su “la Gazzetta di Parma” del 21 febbraio

link all’articolo su “la Gazzetta di Parma”